logo

http://basilicamisericordia.it/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/814138prim.jpglink
http://basilicamisericordia.it/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/853394facciata_basilica.jpglink
http://basilicamisericordia.it/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/234044portone_slide.jpglink

Mater Misericordiae

Particolare della tela cinquecentesca vedi dettagli

Facciata Basilica

La facciata della Basilica della Misericordia vedi dettagli

Il Portale della Basilica

Il portale della Basilica vedi dettagli

Mater Misericordiae Facciata Basilica Il Portale della Basilica

News ed Eventi

Deplians feste patronali 4 facciate corretto definitivo-2

 

pdfScarica programma Festa Patronali 2017

 

 

Informazioni

Orario di apertura:

Ore 7:30-12:30; 15,00-18,00 (periodo invernale); 15:30-19:30 (periodo estivo).

Celebrazioni:

SS. Messe: festive ore 7:00

feriali ore 9:00-17:00 (invern.); 18:00 (orario estivo).

Recita quotidiana S. Rosario: ore 16:30 (orario invernale); 17:30 (orario estivo).

banner_diocesi

 

banner_ricci

 

emmaus

 

banner_monastero

Virtual Tour

Esterno

facciatav_thumbsLa facciata e l'atrio interno furono progettati ed eseguiti entro il 1736 da Francesco Vici "capo mastro muratore", di Rocca Contrada (attuale Arcevia, in provincia di Ancona) che realizzò tutto il piano di rifacimento del tempietto del 1497 redatto dall'architetto Luigi Vanvitelli.

La scritta in alto, al centro del timpano della facciata, riporta il titolo del Santuario: Mater Misericordiae.

Nel rettangolo sottostante si legge il nome della custode e proprietaria della chiesa (dal 1574): "Della Venerabile Confraternita della SS. Trinità di Macerata".

Più in basso, sotto il cornicione, circondando l'oculo che dà luce all'interno, campeggia lo stemma (due delfini) del nobile Guarniero Marefoschi, munifico benefattore che a sue spese

Leggi tutto: Esterno

 
   

Il portale della facciata

 

portone_bronzo_thumbsE'costituito da due ante di bronzo (5 ql. di bronzo utilizzato) e fu donato al santuario il 16 novembre 1952 (data della proclamazione di Macerata "Città di Maria") dai cittadini residenti fuori Macerata. Progettato dallo scultore ascolano Carlo Cantalamessa, venne fuso a Roma dalla "Fonderia in metalli Veschi Arturo". Il portale, realizzato con stile sobrio e austero, sul modello delle Porte del Paradiso di Firenze di Lorenzo Ghiberti, esprime una summa dell'intera storia del santuario e della devozione dei Maceratesi.

La sovrapporta presenta la Madonna della Misericordia nella stessa iconografia della tela cinquecentesca dell'altare, affiancata dai santi Giuliano, Andrea, Rocco e Sebastiano, sullo sfondo della città di Macerata.


Nei quattro angoli sono scolpiti quattro stemmi
: in alto a sinistra di Papa Pio XII (pontefice all'epoca della proclamazione di Macerata Città di Maria); a destra è lo stemma della città di Macerata; in basso a sinistra è lo stemma di Niccolò Dalle Aste, il vescovo che

Leggi tutto: Il portale della facciata

 
   

Interno

pp132_thumbsLa cancellata in ferro (con le stelle a 8 punte, dello stemma della nobile famiglia Marefoschi), l'aula centrale e il presbiterio fino alla sede dell'Immagine cinquecentesca della Vergine furono costruiti su progetto e direzione dell'architetto Luigi Vanvitelli.


L'aula è rettangolare (m. 11x 4,50) ed è conclusa con un profondo arco trionfale. E' tutta rivestita di marmi pregiati.

Lungo le pareti si ammirano quattro tele ovali eseguite (1737) dal "celebre pittore" di S. Angelo in Vado (PU) raffiguranti le scene della vita di Maria (sotto riportate da sinistra verso destra):

Leggi tutto: Interno

 
   

Presbiterio

Spp128_thumbsuperato l'arco trionfale e oltrepassata l'elegante balaustra di marmo, si raggiunge il presbiterio (m. 6,50 X 4,60), di forma ellittica, ai cui angoli smussati si elevano quattro colonne di marmo pregiato su cui poggia direttamente la cupola, dipinta dal maceratese Giulio Canditoti, con lanterna. Il tutto fu realizzato negli anni 1738-1741.

Il presbiterio (come la navata) è rivestito di marmi pregiati.

Leggi tutto: Presbiterio

 
   

La grande tela della Mater Misericordiae

pp52_thumbsOltre l'altare, (abbellito dal paliotto eseguito da Spartaco Leclerc [1935]), e il tabernacolo, ambedue di marmo, progettati anch'essi dal Vanvitelli, domina la grande pala della Mater Misericordiae, di autore ignoto (inizio sec. XVI). La tela (m. 2,60 x 1,90) presenta la Madonna della Misericordia con il mantello aperto e sostenuto da due angioletti, a cui si affiancano, a sinistra, S. Giuliano, patrono di Macerata, e S. Andrea apostolo, protettore della Confraternita degli Schiavoni (Il lirici); e a destra S. Rocco e S. Sebastiano, entrambi invocati contro le epidemie di peste.

 

 

Leggi tutto: La grande tela della Mater Misericordiae

 
   

Ambulacri ed Esedra

pp88_thumbsA seguito di un secondo voto emesso dal Comune (3 luglio 1855) per scongiurare il cholera morbus asiatico, fu costruito dal 1860 al 1893 un ampliamento dell'aula centrale con un lungo ambulacro formato da dure bracci che fiancheggiano l'aula originaria, riunendosi in un'esedra semicircolare che circonda il presbiterio.

 

L'ambulacro di sinistra, l'esedra e il nuovo campanile (che sostituì quello del Vanvitelli posto a ridosso dell'altare della Vergine) furono portati a termine nel 1863, su progetto dell'architetto maceratese Giovanni Montini. Dopo una lunga sospensione, l'ambulacro fu completato negli anni 1892-1893 con il braccio di destra secondo il progetto del fermano Giuseppe Rossi.

Leggi tutto: Ambulacri ed Esedra

 
   

Sagrestia

pp125_thumbsLa sagrestia (ricostruzione del 1958) fu progettata dal Vanvitelli di cui conserva il marmoreo lavabo con delfini.

 

pp130_thumbsIn essa, oltre gli armadi lignei (uno del 1700) che conservano pregiata suppellettile liturgica (pianete, piviali, paliotti), vi sono consolidi, inginocchiatoi, reliquiari del '700; inoltre una piccola Icona mariana russa (sec. XVII), la Madonna della pietà di Fr. Mancini, S. Apollonia martire (del Sassoferrato).

 

Leggi tutto: Sagrestia

 
   

Planimetria

  • a - Porte di bronzo (C. Cantalamessa 1952)
  • b - Maria Bambina del Tempio (Francesco Mancini 1737)
  • c - Annunciazione (c.s.)
  • d - Assunzione di Maria SS. e Apostoli (affresco Francesco Mancini 1737)
  • e - Visitazione (Francesco Mancini 1737)
  • f - Presentazione di Gesù al Tempio (c.s.)
  • g - Immacolata (Sebastiano Conca 1741)
  • h - Natività di Maria SS. (c.s.)
  • i - Madonna della Misericordia e Santi (tempera magra su tela, fine '400 - primi '500), di anonimo
  • l - Natività - Fuga in Egitto - Nozze di Cana (affresco B. Biagetti 1922) - Anime del Purgatorio (C. Pavisa 1932)
  • m - Sagrestia (Vanvitelli: ricostruzione 1958)
  • n - S. Famiglia (1923) - Transito della Vergine (1924): (affresco Biagetti)
  • o - Crocifissione - Deposizione - Pentecoste (affr. Biagetti 1922) - S. Cuore (G. Sortino, sec. XVIII)

 

Leggi tutto: Planimetria