logo

http://basilicamisericordia.it/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/814138prim.jpglink
http://basilicamisericordia.it/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/853394facciata_basilica.jpglink
http://basilicamisericordia.it/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/234044portone_slide.jpglink

Mater Misericordiae

Particolare della tela cinquecentesca vedi dettagli

Facciata Basilica

La facciata della Basilica della Misericordia vedi dettagli

Il Portale della Basilica

Il portale della Basilica vedi dettagli

Mater Misericordiae Facciata Basilica Il Portale della Basilica

News ed Eventi

Deplians feste patronali 4 facciate corretto definitivo-2

 

pdfScarica programma Festa Patronali 2017

 

 

Informazioni

Orario di apertura:

Ore 7:30-12:30; 15,00-18,00 (periodo invernale); 15:30-19:30 (periodo estivo).

Celebrazioni:

SS. Messe: festive ore 7:00

feriali ore 9:00-17:00 (invern.); 18:00 (orario estivo).

Recita quotidiana S. Rosario: ore 16:30 (orario invernale); 17:30 (orario estivo).

banner_diocesi

 

banner_ricci

 

emmaus

 

banner_monastero

Opere d'arte e Autori

Architettura

arch_Luigi Vanvitelli (1700-1773). Figlio del pittore olandese Gaspar Van Wittel, studiò dapprima pittura con il padre; in seguito si dedicò all'architettura, sotto la guida di F. Juvarra. Fu senza confronti il più grande e fecondo architetto del '700 italiano. Operò dapprima nelle Marche e divenne poi, nel 1735, "Architetto di S. Pietro".

La Misericordia di Macerata (aula centrale) è una sua primizia nel campo dell'architettura ecclesiale, interessante anche per la stretta collaborazione con il pittore F. Mancini negli affreschi della volta, nei quali l'architetto svolgeva come una funzione di regìa nei confronti del pittore.

Leggi tutto: Architettura

 
 

Pittura

Pittura del 700
Pittura del 900

 

pp102_thumbs Del '500 (inizio):
tempera magra su tela della Madonna della Misericordia, di anonimo.

 

Nel corso del tempo essa ha avuta dalla critica oltre 15 attribuzioni diverse, tra cui Perugino, Antonio Solario detto lo Zingaro, Giovanni Di Pietro, detto lo Spagna, Lorenzo Costa.

 

Attualmente si preferisce attribuirla ad un eclettico: ne sarebbe "autore un portato della cultura prospettica rinascimentale lombarda miscelata con i ritmi centro italiani", per cui non si può nominare diversamente che "Maestro del Santuario della Madonna della Misericordia di Macerata" ( A. Paolucci, Direttore dei Musei Vaticani, 25 aprile 2009).

 

Leggi tutto: Pittura

 
   

Scultura

sculturaCarlo Cantalamessa (Roma 1909-1982). Figlio di Guido, generale, di nobile famiglia ascolana e di Matilde Pansoni (di Monte S. Giusto, Macerata), formatosi alla Scuola della Medaglia in Roma, alieno da rigidi dettami accademici si dedicò ad esemplare soggetti religiosi di ascendenza primitiva. Palese la sua predilezione per Pisanello, Nanni Di Bartolo, Desiderio di Settignano, Bernardo Rossellino e tra i contemporanei Francesco Messina, Giacomo Manzù.

Leggi tutto: Scultura

 
 

Decorazione

decorazione_Emilio Lazzaro, nato a Padova nel 1881, operò molto a Macerata, dove fu titolare della cattedra di Disegno Ornato Geometrico e Architettonico dal 1920 al 1929 nella "R. Scuola Professionale di Tirocinio" o "Scuola d'Arte". A lui si deve, tra l'altro, la decorazione della Sala Vittoria – oggi Sala Consiliare – nel Palazzo Municipale, la decorazione del soffitto dello scalone del teatro "Lauro Rossi "ecc. Nella Basilica della Misericordia, sotto la direzione del Biagetii,coadiuvato da Ugo Gasperini, ha curato la decorazione dell'ambulacro e dell'esedra, ispirandosi ai motivi ornamentali della cupola del Conca.